Bologna: il CIE non riaprirà. Ma Suo posto a …

La Notizia, di per sé, non il Che PUÒ Essere accolta con entusiasmo da chi Come Noi, Domani girare sulla parte alla Manifestazione Cittadina Contro la riapertura del CIE di Bologna , sia il Che l’assessore ai Microfoni di Radio Città del Capo ha addirittura affermato di Che Il Governo di riaprire il pensasse è CIE dovra ” Switch to sul Corpo dell’Amministrazione comunale “.

Alla legittima soddisfazione per this “RISULTATO” Tuttavia, se si affianca una forte preoccupazione per Quello Che sarà ile destinazione della struttura di Via Mattei , fermata Che se AVVI a trasformarsi, Stando alle parole del sindaco Virginio Merola, in un “centro di prima accoglienza per Rifugiati “all’interno della Quale i migranti verranno” Identificati, Esigenze di compressione Nelle pappagallo, e da qui smistati Giusto Nei Paesi dell’Europa ritengono dove andare “.

Le parole del sindaco Merola e dell’assessore Frascaroli una parte rappresentano è data la Conferma della netta contrarietà dell’Amministrazione comunale alla riapertura ICN ( ne avevamo parlato Pochi giorni fa ), una serie lasciano Dall’altra aperta di rilevantissimi interrogativi, il Primo dei Quali e: mangiare convertire una substantially Carcerária Strutture di Accoglienza centro a Sbarre e senza senza libertà Personale della limitazioni?

Non solo, Prescindere Dalla Scelta di Via Mattei, non potremo dirci dell’apertura Soddisfatti di un “centro di accoglienza” finchè Saranno Verificate le Condizioni centro concreto, il Suo Giuridico stato, è Regole interne, etc. Per Motivi di Ho subito Capire racconto diffidenza, basta segnalare Calcola un’inchiesta Giornalistica Appena dieci giorni fa Pubblicata, intitolata “La grande truffa dei Centri di Accoglienza: sulla pelle dei Milioni Rifugiati ‘

Illeciti e all’irregolarità nell’erogazione di “paghetta”, la paga giornaliera: ai richiedenti asilo nell’impiego di mediatori culturali, Interpreti e Psicologi. E poi RISPETTO Mancato delle procedure legali da parte di molte questure, mangiare nel caso di Quelle di Roma, Caltanissetta e Crotone Che non rilasciano ile Permesso di soggiorno per richiesta d’asilo allo scadere dei 35 giorni di permanenza nel centro. E Ancora un quadro impietoso e desolante degli alloggi in cui i migranti, in Particolare i richiedenti asilo, Sono costretti a vivere dà Gorizia Trapani. E Quanto emerge dà RIMASTO riservato rapporto Nei cassetti o meglio, nda del computer Perché se Tratta di file di Excel, dell’Interno Ministero, Reso Pubblico mai, di cui Repubblica.it E entrata in Possesso.
[ Continua a leggere la sua repubblica.it ]

Per QUESTI Motivi, ci sentiamo di condividere i Nella giornata Dubbi espressi dal Centro Sociale di ieri Tpo un Promotrici della Realtà delle Manifestazioni di Domani:

La Proposta Comune di Bologna, parte il Che dà una chiara Posizione Contro il CIE, DEVE Essere nel collocata rispondere delle Politiche italiane per l’accoglienza, Dalla caratterizzate logica emergenziale Almeno dal 2008, il Che nel 2011 m, con l’Emergenza Nord Africa Hanno raggiunto un punto significativo. Fu ENA che sì l’inizio per premio volta un Parlare di “Centri di Smistamento” e di accoglienza diffusa sui territori. For example Ricordiamo Che il proprio disumano capannone dei Prati di Caprara (ampia Documentazione Disponibile in rete) è stato Stato Presentato Dalla Protezione Civile mangiare Hub, per diventare poi definitivo per Oltre Due anni.
Avendo Seguito il da Vicino Fallimento dell’ENA , per cui have been investite discrete somme siamo Ancora il Più convinti Che Possa soggetto dell’Accoglienza non Essere l’angoscia affronrtato con la “li mettiamo colomba” mangiare ad Avvenire Sui continua mezzo allarmati dal-Strutture toto, con dei “Luoghi Caldi” e il lamento mappatura “non sappiamo dove metterli”.
E ‘da Adottare Un’altra la Prospettiva prima di decidere Quali Spazi adibire, ossia quella di definire Quali Quali percorsi e prospettive se vogliono sviluppare per le PERSONE Che Arrivano, capendo nell’ambito di Quali Norme e di qualificata Doveri dà parte dello Stato .
Chiarimento this Senza Che also riguarda Giuridico Statuto di QUESTI il “Nuovi” Centri di prima accoglienza, viene riprodotto un improvvisato Intervento, Che i Destinatari dell’Accoglienza mantiene mangiare era Fossero di passaggio, in transito, versi e versi cosa colomba non questioni.
E infatti, l’assessore se caso riferisce mantiene alla accoglienza “prima”, ma e Quello che avviene DOPO alla qualità degli Interventi determina Iniziali, e il che hanno Percezione i migranti del Paese che sta li accogliendo. Non un caso Oggi il 40% delle ile PERSONE accolte a Sud mangia Nord, scappa Dai Centri alla ricerca Qualcosa di meno di precari. Certo E this Che non si Vuole incenticare, Allora mangiare POSSIAMO pianificare Una seconda, duratura successiva e accoglienza? This CI SEMBRA Il nodo Oggi dà sciogliere per Poter lontano fronte alla Domanda di che futuro arriva migliaia di ambrogetta PERSONE Che il riescono ad Attraversare indenni Mediterraneo.
Gli Sforzi Occorre sarà concentrarsi e la Pianificazione delle Risorse per Pensare dà improvvisa, Dai primi giorni dell’arrivo, ad un progetto per l’inclusione IMMEDIATA sul Nostro territorio Anziché un’azione tesa a Semplice (e Più Veloce possibile) attraversamento.
Non sottovalutiamo Infine un secondario dati non Certo, Quello Di Una Che Si Vuole replicare accoglienza Nella logica di “field-fortino”. Centro Detenzione Organizzato mangiare carcere di Massima di Essere siurezza dovrebbe abbattuto e ripensato da capo per diventare Un luogo in cui chi arriva Possa sentirsi Benvenuto! E allora, siamo d’Accordo, il Che Non Sono i letti di ei Cortili di cemento, i 3 muri di nastro, i Bracci Lungo le camerate per Poter accogliere dignitosamente, Perché non sicuramente ABBANDONARE l’accoglienza dei Grandi Numeri, se colomba PERSONE concentrano per Periodi sempre indefiniti dilatata nell’attesa? [Ile leggi commento integrale sua meltingpot.org ]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *