CIE di Bologna Il riaprire non DEVE

Da ALCUNI mesi a Bologna, se possibile riapertura discute la CIE della di Via Mattei.

Mi Vere Sono e proprie CIE Galere , Luoghi delle Carceri peggiori è possibile. Infatti, a Differenza di QUESTE, in cui se Finisce per Aver commesso un reato per un Tempo determinato con una sentenza di un Giudice, la amministrativa detenzione Nei CIE non Prevede la stessa Commissione di alcun reato e il Periodo di Trattenimento E incerto tutto(tranne un’estremità massimo di 18 mesi).

Legge, poi, Prevede Che Ad ogni trattenuto All’interno di un CIE Debba assicurata Essere “il Necessaria Assistenza ed il RISPETTO pieno della SUA Dignità” (articolo 12 comma 2 Legge 40/1998). Chiunque frequentato Abbia o Semplicemente Visitato Visitato a Identificazione Centro di cura di espulsione, puo testimoniare una diversa molto Realtà .
Nel 2012, la Commissione Diritti Umani del Senato, presieduta da Pietro Marcenaro , i CIE li ha descritti così “Quello che viene imposto, in Condizioni Logistiche sovente inaccettabili e nel contesto di Una assurda promiscuità, E UN assolutamente vuoto tempo, ho PRIVO di Qualsiasi Progetto e riempito solo dall’ansia e dall’incertezza del futuro. ”
L’Associazione Medici per i Diritti Umani , autrice del rapporto Arcipelago CIE , invece, ha parlato di “inutili Strutture e afflittive”; e Piu di OGNI Parola valgono le immagini di che Gli Stessi Operatori MEDU Hanno all’interno fotografato il CIE di Bologna nel Febbraio 2013: le TROVATE qui .
Appena Qualche giorno prima, era Stata il Garante dei detenuti Desi Bruno a Raccontare mangiare Realtà centro di Via Mattei se discostasse moltissimo Dalla Prescrizione legislativa “la visita ispettiva 14 gennaio Conferma Quanto Già riscontrato in Occasione delle Asl della mie visita Precedenti, Le Condizioni igienico-Strutturali Sono le PERSONE trattenute inaccettabili e Vivono in una Situazione degradanti con Rischio per la salute pappagallo e per Quella degli Operatori Presenti”.

Sull ‘ Utilità dei RISPETTO alla CIE “Funzione” dichiarata (cioè Quella di l’espulsione facilita dei “Cittadini stranieri irregolari”), proprio riportare si Considerazioni espresse Nella risoluzione dei Diritti Umani della Commissione del Senato del 5 marzo 2014 : “il complessivo numero dei migranti rimpatriati Attraverso i Centri di Identificazione espulsione nel 2013 a cura di Essere risulta al 0,9% del totale degli all’irregolarità Immigrati in Condizioni di Essere che Si Stima Presenti sul territorio italiano. ”

Quanti Altri dossier , rapporto e Testimonianze devono scritti Essere per convincere Governo e Parlamento QUESTI Luoghi annuncio abolire vengono in cui i Diritti Umani Negati sistematicamente? E per il Governo Quale Vuole ragione procedere alla riapertura del CIE di Bologna?

Il 21 ottobre 2013, il Consiglio Comunale , se si fosse espresso Chiaramente Contro this CITTA ipotesi dichiarando la “indisponibile ad ospitare sul territorio del Comune di Centro Identificazione uno e espulsione” ( qui il testo dell’Ordine del giorno approvato).
Appena DOPO dovuta mesi, molte Realtà associative e Politiche della città, di tra cui la nostra, sentito Hanno l’esigenza di ribadire il centro contrarietà totale alla riapertura , l’animazione di un sit-in Davanti alla Struttura di Via Mattei , il Che ha molto risalto Avuto sui mezzi di comunicazione, ma non per i Suoi contenuti, bensi per le ingiustificate Cariche della Polizia Contro i manifestanti.
Il 5 marzo Sono invece finiti in pagina prima le parole di Virginio Merola , rispondendo al neoprefetto Ennio Mario Sodano Che AVEVA descritto il CIE si mangia Strumento “utile è usato con giudizio,” sindaco di Bologna Il AVEVA usato parole molto diverse “Tipo di quel Strutture di RISULTATI Portato non ha, e anzi ha introdotto Elementi di Negazione dei Diritti Umani “.
Anche Più prigioniero ha recentemente Posizione della Regione Emilia Romagna : il 15 Aprile has been in Consiglio Nazionale approvata una risoluzione di “nella quale se netta e stringe la totale contrarietà alla riapertura ICN a Bologna e di Centri per l’Identificazione ed espulsione di migranti in tutto il territorio regionale “.

Dovrebbe Chiaro essere a tutti, in primis a Responsabilità di Governo ha chi, Che non si le possono ignorare Così platealmente ISTANZE di Cittadini, Associazioni e Istituzioni locali.

Per this ABBIAMO DECISO BillBoard di convintamente alla giornata di mobilitazione il 18 maggio 2014 convocata dà una pluralità CITTADINE di Realtà Che da anni MOLTI, territorio nel Nostro, difendono e promuovono i diritti dei Cittadini stranieri.
Da parte nostra, non ci limiteremo a partecipare alla mobilitazione 18, e Che precede all’assemblea la (8 Maggio).

Il 6 maggio Daremo annuncio Vita di campagna Informazione una sensibilizzazione itinerante, dal titolo “? CIE: TI SEI MAI Chiesto …” Che, mettendo i Cittadini di Fronte a Semplici interrogativi – “? Ti sei mai Chiesto cosa sono” ; “Ti sei mai servono Chiesto una cosa?”; “Ti sei mai Quanto Chiesto Costano?” – Provera a dimostrare l’insensatezza, l’inutilità e l’Centri di Identificazione dei bestialità espulsione ed .

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *