Viaggio Nelle Carceri Danesi: Clemenza o la civiltà?

Viaggio Nelle Carceri Danesi

di Francesca * De Nisi

“Non fatemi VEDERE I Vostri palazzi ma le Vostre Carceri … Perché E da esse Che si misura il grado di civiltà Di Una Nazione” . Così Voltaire diciottesimo nel secolo, Sviluppando uno Concetto Che, ripreso in Seguito dà Dostoevskij, sarebbe diventato a tutti Gli studiosi linea guidata per di criminologia del Secolo Ventesimo.

Concetto Che sta Dietro alle regole penitenziarie europee , alla CONVENZIONE europea per i diritti dell ‘Uomo e Più Nello SPECIFICO all’art.27 della nostra Costituzione . Inizialmente di che Qualsiasi civiltà giurista [e auspicabilmente Qualsiasi cittadino] dovrebbe Avere equilibrio ben when si approccia al mondo dei penitenziari.
cosa s’intende per “civiltà della pena”? La Risposta molto semplice Più E di Quanto se Possa Pensare a prima vista: significa non infliggere una Superiore Quella Necessaria esso. Volendo Essere Più pratici: è a Carcere e reclusione, ESSA se Sconta con deprivazione Personale della Libertà. Tutti Gli Altri DIRITTI Fondamentali Costituzionalmente e universalmente riconosciuti continuare devono a GARANTITI Essere. Nel Ventunesimo principio this Secolo in Italia è costantemente Violato.
Quella Che Oggi voglio condividere con l’voi è di Una esperienza in un carcere visita danese. Mettendo dà problematiche parte legislativa, I piu Reati rappresentati in Carcere, la violenza sempre Più che di un Istituto inasprisce Spesso classi Sociali Tra le Differenze, concentriamoci sul Suo Aspetto Più pratico e basilare: l’della Civilta esso.

Continue reading Viaggio Nelle Carceri Danesi: Clemenza o la civiltà?

Terra di Tutti Film Festival. Intervista Stefania Piccinelli

Vieni Ormai anni da sei, Bologna ha ospitato ile Terra di Tutti film festival. Dal causa di Quattordici ottobre, pressoterapia il il TPO e Lumiere, vi e Stato di documentari un ininterrotto susseguirsi, clip, film di Che le vicende mostravano al Pubblico cato I Protagonisti Che il Popolano cosiddetto “Mondo Sud”. Intervistiamo Stefania Piccinelli , Coordinatrice Educazione allo Sviluppo della ong GVC, Insieme alla ong Cospe Che finanziano organizzano ed il festival. Continue reading Terra di Tutti Film Festival. Intervista Stefania Piccinelli

Essere vivessi in Uno Stato di Diritto …

Colui Che Sconta Tutta la SUA pena, multa giorno All’ultimo pianificato, in un istituto Penitenziario, Quando si trasforma in libertà commette un reato altro nel dei quasi 67%. Ha invece il reo Scontato della SUA finale pena di parte usufruendo di misura alternativa, for example mangiare Gli arresti domiciliari, Il Tasso di Scende recidiva del 19%. Continue reading Essere vivessi in Uno Stato di Diritto …

La Situazione delle Carceri Venete

SI CHIAMA ” tollerabile capienza ” ed e, gia di per sé un Controsenso. Se uno Che Definizione Tratta di Rende legale e possibile aumento delle Strutture della capienza Oltre il Livello carcerarie regolamentare. In Traduzione, ci spiegano significa AGGIUNGERE un pianoforte letto a castello. Quelle Che Sono forti Dichiarazioni scandiscono Interventi Gli Dei Giovani Democratici Relatori invitati Dai di Verona a Montorio ospitati consiliare nella sala della VIII Circoscrizione, rappresentata dal segretario Matteo Riva. “Condizioni di detenzione” che Si e svolta venerdì 27 maggio 2011, Vuole Essere Che Piu di Dibattito un’occasione un appuntamento per Comporre un italiano della rappresentazione Situazione Esperienze delle Grazie Dirette, Che ci vengono raccontate dal Magistrato senatore PD Membro della Commissione Giustizia e Felice Casson, dall’avvocato Guariente Guarienti e da Alvise Sbraccia, Ricercatore di Bologna dell’associazione Antigone, Coordinati da Alberto Magnani. Sguardi affini nella natura e nella luce Sotto La Quale se pongono diversi Questioni, Giuristi Tutti di Formazione, impegnati ma SECONDO diversificata moda Contrasto di Una situazione di che ci ingiustizia viene Presentata i toni cupi dell’assurdo. Continue reading La Situazione delle Carceri Venete

Inventati Scandali e Stupri ignorati

A chi chi fa male ea giova la ferocia ha dato un Montata protesta sul nulla? Riflettiamo, donne.

Indignatevi, seconda della condizione, arrabbiatevi, protestate .. ma con cognizione di causa!

Un famoso giornalista Disse: “Oggi, se Spaccia per Informazione propaganda e Il resto in balia dei pusher”.

La maggior parte di voi Sarà sicuramente a Conoscenza della sia criticata sentenza della Corte di Cassazione ma in materia di gruppo di stupro, eccellentemente spiegata Dal nostro collega “Il Democritico” non eccellentemente altrettanto commentata dal popolo di Facebook.

I tecnicismi utilizzati annuncio nell’articolo mirano non Dalla possibilita di nessuno escludere Comprendere l’accaduto, Semplicemente mi mostrano Quanto SIA difficile, per non ê chi “di mestiere” Criticare costruttivamente.

Proprio Perché Profondamente crediamo Capacità Nelle intellettive di tutti (o quasi) ABBIAMO DECISO di approcciarci all’argomento Nella lingua dei “comuni mortali” per Poter DARE possibilita di Tutti la Criticare INFORMARSI ADEGUATAMENTE e SUCCESSIVAMENTE.

Procediamo con Ordine, analizzando la circostanza possibile di Reato.

Una ragazza (ma PUÒ also ad un ragazzo succedere, la cura femministe) viene stuprata Gruppo di PERSONE dà, Il Fatto denuncia alle Autorità competenti, si Partono Indagini. Seguendo diverse e indizi pista, mi vengono individuati ALCUNI soggetti. QUESTI Sono solo SOSPETTATI di Aver commesso il reato!

cosa Sarebbe PRIMA Successo of this sentenza?

Nel caso in cui sessuali di gruppo di reati, la custodia cautelare sarebbe obbligatoria Stata.

Scelta Nessuna, RISPETTO Nessun per i criteri imposti dal legislatore al l’Applicazione della cautelare custodia. Violazione del principio di uguaglianza, ho Rispetto quasi Altri TUTTI GLI di reati.

Provate, per un attimo ad immedesimarvi nel QUESTE PERSONE.

Voi siete i sospettati, Sapete di Essere Innocenti, ma venite sbattuti in carcere. Li Rimanete per Mesi (se vi va bene) e alla multa of this Incubus Assolti sarete, Avendo della Vostra vita tempo Passato in cambusa, INGIUSTAMENTE !

Prendiamo Recente Il caso di Torino nel quale la ragazza AVEVA inventato uno stupro di gruppo oscuro. Se doveva procedere custodia cautelare obbligatoriamente e Quei Ragazzi INNOCENTIREPORTCARD sarebbero finiti in carcere, per colpa dato un’ingiusta menzogna, Fosse Stato è non per l’avvedutezza del Giudice.

Ora succederà cosa?

Qui entra in jeu la nostra sentenza, il Quale non altro che fa applicare la Costituzione Nostra e Il Nostro Codice Penale. Prevede This Che nel periodo di tempo che intercorre alla multa sentenza di condanna pronunciata dal Giudice, i SOSPETTATI Passano ANCHE Goeth in Carcere NON (cautelare custodia) ed usufruire di MISURE ALTERNATIVE Cautelari, cioè Misure diverse dal carcere.

InOLTRE, Che QUESTE SPECIFICHE Misure alternative potranno Essere utilizzate qualora graui Motivi non vi Così Siano (Pericolo di fuga di inquinamento delle dimostrare, reiterazione del reato) dà molto propendere per la custodia in carcere.

E quindi un solo POSSIBILITA ‘Quella di non entra in carcere durante il lasso di tempo il cui Si e Ancora in SOSPETTATI, imposto non Nazioni Unite di Giudice Obbligo.

La sentenza non incide PENA Sarà che sulla minimamente inflitta da when i soggetti sospettati Saranno giudicati COLPEVOLI di Reato!

Dobbiamo Tenere in conto also Che possibilita QUESTI soggetti NON Siano COLPEVOLI E che quindi, nel caso in cui vengano spediti in carcere PRIMA della condanna passeranno una considerevole Periodo di tempo in una cella (che non augurabile a nessuno in QUESTI Periodi), Insieme con PERSONE che hanno reati realmente commesso.

Per non Parlare dei POI quasi 213 milioni di euro di Stato per risarcire pagati Dallo ho quasi dato ingiusta detenzione!

Ogni Giorno ci lamentiamo, incessantemente, Perché la frase scritta entro i CI SEMBRA Tribunali un’utopia, ma OGNI Volta Che cerca di renderla se Succede il Più realistica Finimondo!

“Le legge E Uguale per tutti” significa Quello che è Stato sancito proprio Dalla sentenza: il coraggio di Giudice Valutare la possibilita di Quale misura cautelare applicare, in Relazione ai di Dalla legge presupposti dettati. Uguaglianza per Tutti Che significa, nonostante l’odiosità del Reato, la legge SIA applicata in maniera eguale, Soprattutto when si parla SOSPETTATI di!

La campagna mediatica lanciata vostro facebook

Il clamore mediatico suscitato Dalla Sentenza comunque, ci permette di tariffa Qualche Riflessione sul Merito della Questione, e cioè sull’ignobile Realtà delle violenze sessuali: ISTAT Un’indagine nel 2006 Secondo e Presentata fatta nel 2007 il Che Le Donne Almeno una Volta Hanno subito nel corso della violenze sessuali Sono Vita 6,7 Milioni . Il 69,7% degli Stupri e Di gestisce un partner o ex attuale; Il 17,4% degli Stupri opera e Di un conoscente, MENTRE

ile solo 6,2% e Di Estranei opera. (Per approfondire: Dati di violenza sulla generare e sulla violenza Assistita ).

Dati poco solidi e certificato, Soprattutto se Conto della quantita impressionante ha sommerso Che emerge Dalla cui sopra di Ricerca STESSA (link vedi), ma comunque Utili a ragionare e delle Porci Domande, Soprattutto in Seguito Dalla all’ondata di mediatico clamore Quale siamo STATI Travolti.

I numeri Codice sopracitati ci mostrano quello che mangio stupro SIA una Realtà Quotidiana, eppure, mangiare parte maggior delle storie di quotidianità anormale, non Nelle spazio TROVA cronache è non QUANDO C’è da Baccano lontano, QUANDO C’è Qualcuno dà accusare.

Un Giorno e uno straniero possibilmente senza Documenti, DOPO Il Giorno e Una tagliata sentenza, cucita e ribaltata a dovere, ma di Sessuale Società della malattia violenza mangiare non si parla mai, non è in ambienti “di nicchia”. Eppure, have been proprio Tali ambienti, il Che OGNI in quegli Stessi per la Difesa dei Diritti delle donne, ad Aver fomentato una Scandalosa e dei media cieca campo di guerra scendono giorno.

Dai Comitati alle neo-femministi Associazioni Contro la violenza Sessuale, ambrogetta blogger alle indignate ex-ministre offese, SI E Il Forte di protesta alla Alzato famoso coro Ormai sentenza della Corte di Cassazione.

Ed e proprio tali gruppi Che da donne ci rivolgiamo: io proviamo a chiederci, per ogni attimo un, Quanto SIA nocivi per la Dignità di Qualsiasi Vittima di Abusi sessuali, dei media strumentalizzazione alla quale viene sottoposta è se Tratta di un caso di Che PUÒ “vendere” e vergognoso Quanto SIA il Quale silenzio assordante di ogni giorno costrette Sono le migliaia di Vittime di Abusi domestici, i Quali i Giornali per ei discorsi indignati non trovano spazio mai.

Invece di urlare una tecnica sentenza Contro proviamo ad urlare, con veemenza e la STESSA STESSA voglia di Diffusione, Contro l’indifferenza quotidiana.

Siamo abituati / e ad invocano leggi Nuove, Nuove pene Nuove Sentenze, mangiare è la Battaglia Fosse per un Paese Civile Strettamente Giuridica e non sociale. Ma non esistono leggi di laurea Cambiare nel cerebrale corteccia degli Individui, né Sentenze in grado civile di che ci Costruire una Aiuti Coscienza per Combattere causerà Dei Nostri mali e non a piangere tardivamente Sugli Effetti.

Cerchiamo, Allora, di Andare Oltre i collegamento di facebook facile che dalla condivisione aiutano a sentirci ci Solidali con un solo clic.

Solidarieta Dalla vera passa Conoscenza, la Conoscenza dall’informazione passa, L’Informazione passa Dalla voglia di Costruire.

Costruiamo Allora, Facciamo Rete: Una Preda rete di FACILI demagogia non, una rete presto per GUARDARE la luna e il dito non fermarsi.

Soprattutto, donne, Ma smettiamola di cascarci. OGNI Volta Che alla mediatica cediamo strumentalizzazione della violenza Sessuale falliamo. Falliamo di fronte alla specificità di generare, di fronte alle Nostre piccole lotte Quotidiane, di fronte alla perenne Necessità di dover dimostrare chi siamo. E Soprattutto, falliamo di fronte alla paura delle decine di migliaia di Vittime, Ancora Che Oggi, Terzo Millennio nell’occidente di, scelgono di non assoluta.

“Vorrei il Che Le Donne Uomini avessero potere non Sugli, ma il suo pappagallo stesse.” – Mary Wollstonecraft

Silvia Ventrucci e Francesca De Nisi

Sovraffollamento carcerario e la tortura

Venite e Di Vita tutelata la condizione del detenuto A Livello costituzionale? Si Può definire il perdurante Situazione Italiane di sovraffollamento delle Carceri mangiare una violazione dei Diritti Umani? E Ancora, Si Può definire “tortura” o “inumano e degradante Trattamento” la Condizione in cui il carcerato versa?
Continue reading Sovraffollamento carcerario e la tortura

Amnesty: Berlusconi non c’entra. Checche dicano i soliti ne manettari!

Luglio 2011 : il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano denuncia l ‘ umiliante Realtà delle Carceri Italiane, sia della definizione Che sovraffollate E Suo Avviso “quasi un eufemismo.” Continue reading Amnesty: Berlusconi non c’entra. Checche dicano i soliti ne manettari!

Carceri: il modello danese spiegato dai danesi. Intervista alla professoressa Storgaard

Il 21.09.2011, anno fa esattamente uno, Progre presentava il video Suo “Essere vivessi in Una Cella” a Roma, nel corso della Manifestazione svoltasi in concomitanza con sessione straordinaria del Senato Sulle Carceri. A DISTANZA di un anno, quasi nulla essersi SEMBRA Mosso, nonostante l’insediamento di un Governo nuovo. La Riforma Severino, mangiare ABBIAMO sostenuto sopra , si ferma ad Essere Insufficiente affrontare i numerosi Problemi Che Il Nostro sistema affliggono-Giustizia. Noi crediamo Che il Minimo INDISPENSABILE SIA da tariffa continuare ad InforMare possibile il Più della Società Civile. Ecco perchè ABBIAMO Realizzato un altro dossier e videoinchiesta Un’altra , focalizzata sulla in segno di saluto carcere. Continue reading Carceri: il modello danese spiegato dai danesi. Intervista alla professoressa Storgaard

Fini-Giovanardi: cosa cambia (e cosa non cambia) DOPO la sentenza della consultazione

Pubblicate si Motivazioni della sentenza della Corte Costituzionale Che le Normative dall’ordinamento ha Rimosso introdotte Fini-Giovanardi Dalle legge Che le Condotte illecite parificavano Droghe leggere relativa alle e PESANTI. Di Fatto, Oggi si torna alla Distinzione, in tema di pene applicabili delle Condotte antigiuridiche legato al Sostanze dette. In Particolare, esso edittale per le ipotesi riconducibili Non E alla Lieve Entità ricompressa ora Tra i 2 ed i 6 anni per le Droghe leggere e Non più Tra Gli 8 ei 20 anni. Continue reading Fini-Giovanardi: cosa cambia (e cosa non cambia) DOPO la sentenza della consultazione

Carceri: tra “decreti” e “piani” continua corsa Contro il tempo per EVITARE di Strasburgo la condanna

Oggi, la sua repubblica.it , Liana Milella racconta il Che il neo-ministro Andrea della Giustizia Orlando sta per proporre, sotto forma di decreto-legge, un ” piano Carceri Nuovo di Zecca , con l’Obiettivo di EVITARE Che l’Italia Debba cambiario , dal prossimo maggio, detenuti che ai di multe milionarie scontano in Condizioni disumane esso “.

Continue reading Carceri: tra “decreti” e “piani” continua corsa Contro il tempo per EVITARE di Strasburgo la condanna

Condizioni carcerarie in Italia: l’appello delle Associazioni

ALCUNE dell’associazionismo Realtà, il volontariato e della Cooperazione Pensato Hanno di Scrivere un Che L’attenzione Solleciti Lettera Sulle ei suoi Problemi Italiane Carceri della nell’imminenza europea Scadenza 28 maggio 2014 (Sentenza Torreggiani) e del semestre europeo a Che Presidenza italiana si sta avvicinando. Continue reading Condizioni carcerarie in Italia: l’appello delle Associazioni

OPG: altro di un anno vergogna.

Venite si temeva, e come da mesi il Comitato denunciava StopOpg Sara il 31 Mar 2013 non chiuderanno i dati in cui Gli Ospedali psichiatrici Giudiziari.
Oggi Governo ile, infatti, ha approvato un decreto Legge – il cui testo integrale E Ancora non diffuso Stato – Che adjournment Scadenza prevista Dalla legge 17 febbraio 2012, n. 9. Continue reading OPG: altro di un anno vergogna.

Amnesty: Berlusconi non c’entra. Checche dicano i soliti ne manettari!

Luglio 2011 : il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano denuncia l ‘ umilianteRealtà delle Carceri Italiane, sia della definizione Che sovraffollate E Suo Avviso “quasi un eufemismo.” Continue reading Amnesty: Berlusconi non c’entra. Checche dicano i soliti ne manettari!

DI REATO clandestinità: le cose cambiano CHE? Facciamo chiarezza

un lato dato che fa piacere Oggi L’Opinione pubblica s’infiammi tematico sulla dell’Immigrazione, la sua cui Si e discusso ed little ed agitata troppo maschio in QUESTI anni, dall’altro arrestare se stia perdendo ennesima L’occasione di ritrovare lucidità e di rotta Cambiare RISPETTO ad un che è semper politico Dibattito RIMASTO Superficiale, slegato Dai Dati reali e poco Attento all’analisi Nella SUA Complessità fenomeno. Continue reading DI REATO clandestinità: le cose cambiano CHE? Facciamo chiarezza

Fine pena: MAI. 5 Dialoghi tua donne e uomini, Oltre le mura del carcere

Due Settimane sul carcere (Bologna 15-30 novembre 2013)

Emergenza . Sovraffollamento . Numeri da sistemare .

Nel politico e giornalistico Dibattito mondo è il dei penitenziari italiani affrontato Spesso partendo da QUESTI Dati tre, corrispondono che agli Effetti inevitabili di sistema funzionante male. Continue reading Fine pena: MAI. 5 Dialoghi tua donne e uomini, Oltre le mura del carcere

OPG, Carceri, Reato di tortura: Intervista Ignazio Marino.

Ospedali psichiatrici Giudiziari, sovraffollamento delle carceri, la tutela della Salute per le PERSONE privato Personale della Libertà: Temi cruciali e dolorosi di un sistema Penitenziario acqua che fa da Tutte le parti. Ne Abbiamo il Senatore parlato con Ignazio Marino, presidente della Commissione d’Inchiesta sull’efficacia e l’Efficienza del Servizio Sanitario Nazionale .

Continue reading OPG, Carceri, Reato di tortura: Intervista Ignazio Marino.

Nella onde radio Città Capo

Domani Mattina, Alle 8.35 , siamo in diretta a ” La Mattina di Popolare Network “, in onda Radio Città Capo per Parlare dell’Incontro Che Si TERRA semper domani (alle 16.30), la Borsa a Sala, dal titolo ” La Salute (P) e recluso Le nostre forme di tortura – a riflessione a Partire dal caso di Franco Mastrogiovanni”. Continue reading Nella onde radio Città Capo

Alessandro Bergonzoni

Intervista ad Alessandro Bergonzoni, Realizzata a emarginare dell’Incontro, Organizzato da Progre, ” La Salute (P) recluso e Le nostre forme di tortura “, a cui hanno partecipato, Oltre allo Stesso Bergonzoni, Luigi Manconi , presidente di “A Buon Diritto ” Grazia Serra , nipote Francesco di Mastrogiovanni e Valentina Restaino , avvocato di parte civile per l’UNASAM nel Processo per la morte di Mastrogiovanni Continue reading Alessandro Bergonzoni

Operazione trasparenza: mi appello per l’Introduzione del Reato di tortura

In Occasione della “XXIII Giornata Internazionale per le Vittime della tortura , ” Amnesty International ha sollecitato Nuovamente l ‘ Introduzione della tortura nel Nostro reato di codice penale . Continue reading Operazione trasparenza: mi appello per l’Introduzione del Reato di tortura

Entrando in carcere, ci sono tre cose che non puoi dimenticare…

In una Stesso giorno ho nell’arco di poche minerale, da parte della Seconda e terza carica dello Stato (Appena Elette), in diretta Sulle maggiori emittenti Televisive Italiane, have been Ricordati i e le Condizioni detenuti delle carceri italiane. Per attimo un, di Essere Stata pensai catapultata il suo Un altro pianeta, POI mia Resi Conto Che non e realizzai un sogno era con gioia, tutto vero Che era. Continue reading Entrando in carcere, ci sono tre cose che non puoi dimenticare…

Progre alla Biennale di Venezia

Venerdì 26 ottobre ABBIAMO partecipato alla V Giornata Nazionale e sul dell’Informazione dal carcere , Promossa Dalla Regione Emilia-Romagna, Provincia di Bologna e Dalla Dalla Conferenza Volontariato e Giustizia Regionale dell’Emilia-Romagna, nell’ambito del progetto “Cittadini sempre” , in collaborazione con Ristretti Orizzonti e la Fondazione dell’Ordine dei Giornalisti. Erano Presenti Giornalisti e il Che Associazioni se occupano Livello Nazionale di carcere a. Nel Nostro Intervento presentato ABBIAMO l’attivita di Gruppo di Progre Carceree ABBIAMO proiettato Cortometraggio Il Nostro primo “Siate vivessi in Una Cella” , promuovendo Nuove Forme di Comunicazione sul cittadinanza per sensibilizzare il soggetto. E Stato Il Nostro lavoro apprezzato molto, in Quanto fondamentalmente ha Confermato Di Ci mangiare della forma di video-inchiesta vincente sia, e innovativo Soprattutto, per riuscire, a Raccontare alla cittadinanza Che cos’è il carcere. Continue reading Progre alla Biennale di Venezia